Paracadutismo - Freefly

Video dedicato allo sport estremo del "Paracadutismo" o "Skydiving" in cui si prevede di salire ad alte quote attraverso un'aereo o elicottero e di ritornare sulla terra ferma lanciandosi con il paracadute.
La prima persona a provare tutto ciò fu André-Jacques Garnerin che nel 1978 il quale è stato il primo a fare discese di successo con un baldacchino di tela e con un piccolo cesto legato sotto a un pallone aerostatico, il tutto poi perfezionato da altre persone nel 1919.
Nella pratica di questo sport è consigliabile salire almeno a una quota di 750 metri, ottimale sarebbe intorno agli 800-900 metri.
In questa attività si distinguono diverse discipline tra cui:
1) Lo "stile" una disciplina moderna del paracadutismo che consiste in un lancio ad una quota di 2200 metri di cui si hanno a disposizione trenta secondi di caduta libera, in quel lasso di tempo bisogna eseguire almeno sei evoluzioni o volteggi.
2) La "precisione in atterraggio" prevede che i lanci avvengano a una quota di circa 1000 metri il cui obiettivo è quello di centrare in atterraggio il bersaglio con il tallone.
3) La "combinata" è l'insieme delle due prime attività e vince la persona che totalizza meno punti in ogni classifica.
4) Il "paraski" si basa sulla combinazione di due differenti discipline ovvero una gara di scii di slalom gigante e una gara di precisione in atterraggio montano su un piano o eventualmente su un pendio.
5) il "freefly" che nasce intorno al 1996 e prevede una evoluzione tridimensionale del volo in cui più persone creano delle coreografie in volo.
Infine esistono altre attività un po' meno praticate tra cui il Canopy Relative Work, lo Skysurf, lo Speed skydiving, il Vertical Relative Work e il Canopy Piloting.
Autore Nova
Vota questo articolo
Guarda il video
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!